Nel mese di Ottobre, Michael Forgeron e suo figlio Cary Forgeron (rispettivamente CEO e Responsabile Commerciale di Analysts Inc. una struttura USA specializzata in analisi olio con oltre un milione di campioni processati all’anno) hanno visitato la sede ed il laboratorio di Mecoil, nel corso di un “tour” da loro intrapreso alla ricerca di nuove tecnologie e laboratori partner in Europa, nel campo delle analisi dell’olio. Scopo dell’incontro è stabilire un canale di scambio di informazioni ed esperienze tra le due sponde dell’oceano, percorrendo congiuntamente alcuni percorsi di implementazione. Particolare attenzione è stata prestata ai metodi di monitoraggio della contaminazione, compreso il Lasernet Fines (di Spectro Inc.) come strumento di punta nel rilevamento e caratterizzazione del particolato da usura.

Oltre alle questioni tecnico-commerciali, presso la nostra sede gli amici di Analysts Inc. hanno potuto godere anche dello stupendo paesaggio toscano, che intorno a Villa Montalto offre splendide viste autunnali. Arrivederci a presto, Analysts Inc.!

Michael Forgeron (C.E.O. of Analysts Inc) and Cary (sales manager), his son came to visit our facility, during a journey dedicated to approaching different technologies and laboratories through the world, involved with oil analysis. The purpose of the trip was to create a bridge across different countries in order to share competencies and knowledge, and set potential improvements in this particular field. A specific attention was dedicated to contamination control tools, including Lasernet Fines (by Spectro Inc.) as the state of the art in detection of wear particles and shape classifying technology.

The trip was not only business oriented, but the guests found some relaxing time for enjoing the landscape of Tuscany that around Villa Montalto shows his best appeal during Fall.

We hope to meet such special guests many more times!

 

Analysts Inc. in visita alla Mecoil
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page